CERCA NEL SITO
» Home » Zone Pastorali »  Zona Pastorale "Campagna"

Parrocchia Parrocchia di San Pietro Apostolo in Corvia

Indirizzo: Via D. Manin n.69 - , 06034 FOLIGNO (PG)
Zona pastorale : ZONA PASTORALE CAMPAGNA
Note:
Il vocabolo “Corvia” appare nel 1124 ne Le carte dell’abbazia di S. Croce di Sassovivo; invece la chiesa di S. Pietro in Corvia appare la prima volta nel 1239 nella Sentenza del cardinale Raniero Capocci, attinente la suddivisione delle spese per l’amministrazione pubblica in diocesi di Foligno; era qualificata come chiesa dipendente dal capitolo della cattedrale. Questa parrocchia, agli inizi del Novecento, includeva pastoralmente la frazione di Perticani, la quale di per sé è più vicina a Scafali; questa singolarità è durata fino al 1978, quando il parroco di Scafali, Don Giuseppe Cavaterra, cominciò a servire anche i fedeli di Perticani. La comunità di Corvia, sempre agli inizi del Novecento, contava 650 anime. Nel 1940 giunse a 745 anime; nel 1985 scese di poco a 700 anime; nel 2010 ne conta 750. Col parroco Don Manlio Bracco (1963-1980) si cominciò a costruire la nuova chiesa parrocchiale, distruggendo quella antica; i lavori durarono dal 1963 al 1966; essa fu consacrata dal vescovo Siro Silvestri il 16 ottobre 1966. L’architetto fu il folignate Franco Antonelli, il quale progettò ex novo anche la casa parrocchiale. Ancora negli anni Sessanta, durante il parrocato di Don Manlio Bracco, la comunità di Corvia vide mutamenti religiosi, culturali e sociali di grande rilievo. Don Manlio rilevò che i vecchi abitanti di Corvia erano rimasti ben pochi e che il almeno il 70% delle famiglie erano entrate in parrocchia negli ultimi vent’anni. La maggior parte dei nuovi venuti erano discesi dalle colline e dai paesi dei dintorni, cioè da Massa Martana, da Gualdo Cattaneo e anche da Todi: tutta gente che aveva lasciato la terra e anche da questo punto di vista segnava un periodo di trapasso. Varie famiglie di operai erano rientrate dalla Francia, dalla Svizzera e dalla Germania. A Corvia non esistevano più famiglie veramente povere. Sempre Don Manlio riconosceva che tutta la popolazione di questo paese era cattolica, ma confessava anche che era molto ristretto il numero dei praticanti; molti si scusavano col dire che durante la settimana dovevano lavorare nelle industrie di Foligno, poi di domenica dovevano coltivare il loro piccolo pezzo di terra. Dopo la scomparsa di Don Marzio Melelli, parroco per trent’anni di questa parrocchia, gli è succeduto Padre Leonardo De Mola dal 2013.


Gli Incarichi
Fratel LEONARDO ANTONIO DE MOLA Parroco In Solidum Moderatore





  CREDITI  DIOCESI DI FOLIGNO . Curia vescovile . Piazza Mons. Faloci 3 . 06034 FOLIGNO [PG] . tel. 0742 350473 . fax 0742 349021 . e-mail: info@diocesidifoligno.it
Facebook  Twitter  Google +