CERCA NEL SITO
» Home » Zone Pastorali »  Zona Pastorale "Citta'"

Parrocchia Parrocchia di San Nicolò

Indirizzo: Via Arti e Mestieri n. 11 - , 06034 FOLIGNO (PG)
Zona pastorale : ZONA PASTORALE CITTA'
Tel: 0742 355622
Note:
Lo storico Ludovico Jacobilli (1598-1664) scrisse che la chiesa di S. Nicolò fu fondata nel 1094; ma la più antica notizia ben documentata attinente questa chiesa risale al 1138, nella bolla «Religiosis desideriis» di Innocenzo II, diretta all’abate Michele del monastero di Sassovivo, bolla che consacrava la potenza di questo monastero nato appena sessant’anni prima (1077). Innocenzo II pose anche la chiesa di S. Nicolò tra quelle soggette alla comunità di Sassovivo. Poi nel 1281, chiesa e monastero annesso divennero proprietà del Vescovo di Foligno. Nel 1348 tornarono i religiosi, i monaci benedettini olivetani. Costoro officiarono questa chiesa fino al 1434, quando furono sostituiti dagli eremitani di S. Agostino della Congregazione detta Perugina. Nel 1770 questa Congregazione fu soppressa, tuttavia la parrocchia di S. Nicolò rimase affidata ai padri dell’Ordine agostiniano. Questa chiesa, nel Quattrocento, fu abbellita con opere pittoriche di altissimo valore, forse tra le più belle tra quelle conservate nella città di Foligno; pittori eminenti furono Bartolomeo di Tommaso e Niccolò di Liberatore. Tra il Seicento e il Settecento si ebbe il consueto e discutibile ammodernamento architettonico di questo sacro edificio. Ma il peggio doveva ancora avvenire, infatti questo convento fu soppresso durante l’invasione francese e poi di nuovo durante gli anni del Risorgimento italiano. Ancora oggi gran parte dell’antico convento è occupato dalla scuola media “G. Piermarini”, eccetto gli ambienti prospicienti su piazza S. Nicolò. Questa parrocchia contava 455 anime agli inizi del secondo decennio del Novecento; poi nel 1940 aumentò di poco fino a 550 anime; nel 1985 scese a 270; nel 2010 ne conta circa 650, a causa della numerosa presenza di immigrati. “La popolazione è quasi tutta povera”, affermava il parroco agostiniano p. Pio Santolini nella relazione preparatoria alla Visita pastorale del Vescovo Giorgio Gusmini (1911-1914); aggiungeva che la gente era poco aperta, poco istruita e poco praticante; comunque egli si riprometteva di prendersi cura della gioventù “onde sviluppare l’istruzione religiosa e l’allontanamento dalle occasioni cattive”. Gli ultimi parroci sono stati p. Tito Cafferri e p. Giovanni Benedetti; attualmente il parroco è p. Vincenzo Lolli. Ora, dal punto di vista pastorale, il parroco di S. Nicolò serve anche gli abitanti dell’ex parrocchia di S. Giovanni Dell’Acqua e quindi si prende cura del santuario della Madonna delle Grazie, vicino al fiume Topino. Accanto a questo santuario si trovano gli ambienti della “Casa del Ragazzo”, una ben nota istituzione per l’educazione dei giovani. Va fatto cenno della cappella di S. Tommaso dei Cipischi, vicinissima alla chiesa parrocchiale di S. Nicolò. Questa chiesa ha un’antica e interessante storia medievale; ora ha perso ogni significato cultuale; perfino i suoi affreschi sono stati staccati e portati in Seminario (1955).


Gli Incarichi
Padre VINCENZO LOLLI Parroco





  CREDITI  DIOCESI DI FOLIGNO . Curia vescovile . Piazza Mons. Faloci 3 . 06034 FOLIGNO [PG] . tel. 0742 350473 . fax 0742 349021 . e-mail: info@diocesidifoligno.it
Facebook  Twitter  Google +