CERCA NEL SITO
» Home » Zone Pastorali »  Zona Pastorale "Citta'"

Parrocchia Parrocchia di Santa Maria in Campis

Indirizzo: P.zza Santa Maria in Campis 1 - , 06034 FOLIGNO (PG)
Zona pastorale : ZONA PASTORALE CITTA'
Tel: 0742 350441
Note:
La chiesa di S. Maria in Campis fu la prima basilica costruita nella diocesi di Foligno, probabilmente intorno al secolo V. Nel 1138 fu ricordata col nome di S. Maria de Fulginea, successivamente, nel 1188, col nome di S. Maria in Campis. Ebbe anche il titolo di S. Maria Maggiore, essendo stata riconosciuta chiesa-madre. Nel 1373 il vescovo di Foligno l’affidò ai monaci cistercensi del Corpo di Cristo; poi nel 1582 fu affidata ai monaci benedettini olivetani, che rimasero nel monastero annesso alla chiesa fino al 1810. Successivamente questa parrocchia tornò al clero diocesano per quasi un secolo, fino al 1903, quando tornarono per ottant’anni i monaci olivetani. Questa nuova presenza monastica, abbastanza breve (1903-1983), si dovette alle sollecitazioni di mons. Michele Faloci Pulignani. Tra i parroci olivetani, va particolarmente ricordato Don Domenico Schenardi (1951-1971) il quale compì nella chiesa molte opere di restauro e di abbellimento; per esempio liberò la cappella di S. Marta costruendo un nuovo campanile, riportò alla luce alcune belle pitture di Niccolò di Liberatore detto l’Alunno, commissionò al pittore Lino Dinetto di Treviso nuovi affreschi in una parete del chiostro, con storie della vita del beato Bernardo Tolomei, fondatore dell’Ordine olivetano, ecc..Purtroppo le tre navate della chiesa sono rimaste ineguali a causa di un’imperfetta ricostruzione dopo il terremoto del 1832. I lavori edilizi e di abbellimento non impedirono a Don Schenardi di tenere frequenti contatti pastorali con le famiglie della parrocchia e di mantenere viva una devozione tipica di questa comunità verso Santa Maria Bambina. Anche la chiesa di S. Apollinare in Carpello, situata dentro i confini della parrocchia, ebbe il suo restauro e il suo abbellimento. Nel 1983 la parrocchia fu affidata ai francescani minori del vicino e storico convento di S. Bartolomeo, i quali vi rimasero fino al 2002, quando vennero sostituiti dai religiosi vocazionisti, fondati nel Napoletano dal beato Don Giustino Russolillo. Primo parroco vocazionista è stato p. Enrico Monfrecola; dal 2009 è parroco p. Mario Maiorano, ora coadiuvato dal vicario parrocchiale p. Decio Tucci. Questa parrocchia, nei primi anni del secondo decennio del Novecento, contava appena 255 anime; nel 1940 salì a 430; nel 1985, trattandosi di una zona di espansione, raggiunse i 3.000 abitanti; nel 2010 ne conta un po’ meno, tra 2800 e 3000, a causa della erezione della parrocchia viciniore di S. Giuseppe Artigiano. La fisionomia della comunità parrocchiale non è facilmente distinguibile dalle altre a causa del vicino cimitero cittadino; infatti molti fedeli di diversa provenienza vengono ad onorare le tombe dei loro cari e intervengono alle liturgie parrocchiali, rendendo meno evidente l’unità di questa comunità. Ma la particolare cura per il catechismo offerto alle giovani generazioni presenti in parrocchia fa bene sperare per il futuro.


Gli Incarichi
Padre DECIO LORENZO TUCCI Amministratore Parrocchiale





  CREDITI  DIOCESI DI FOLIGNO . Curia vescovile . Piazza Mons. Faloci 3 . 06034 FOLIGNO [PG] . tel. 0742 350473 . fax 0742 349021 . e-mail: info@diocesidifoligno.it
Facebook  Twitter  Google +